NOVITà Torna indietro

Cantiere Expo 2015: Nussli svela a che punto sono i padiglioni

schermata-2015-04-20-a-10.38.10
20 APRILE 2015

Svizzera, Germania e Kuwait sono già in consegna, mentre a Stati Uniti e Messico manca poco. A due settimane dall’inizio di Expo 2015, il gruppo Nussli assicura attraverso un bollettino che per quanto riguarda i suoi cantieri non ci saranno ritardi. L’azienda svizzera specializzata nella realizzazione di infrastrutture temporanee vanta il record di contratti chiusi all’esposizione universale, ben otto. Oltre ai padiglioni nazionali già citati, le sue maestranze sono state impegnate nelle aree del Padiglione Vino, del corporate pavilion di Vanke e del Future Food District.

In nessun caso, spiega la nota inviata nel pomeriggio alla stampa, ci sarà da aspettare oltre al 30 aprile. «Per i Paesi che hanno iniziato la pianificazione dei propri padiglioni per tempo, come Svizzera, Germania e Kuwait, il cronoprogramma è stato rispettato e siamo arrivati alla consegna dei siti nei tempi concordati», si legge nel documento. «Ci siamo trovati a dover far fronte a un paio di situazioni più complicate nei casi in cui abbiamo ottenuto in ritardo i permessi di accesso al cantiere per realizzare gli allestimenti finali. In queste situazioni abbiamo adottato un sistema di lavoro su tripli turni per recuperare il tempo perduto che sta funzionando molto bene».

LA VOCE

Area riservata

Edipol Srl - Via Palmanova, 67 - 20132 MILANO - Tel. 02.26 144 111 r.a - Fax 02.26 110 597 - P.IVA 04243980150
Copyright 2017 - Edipol Srl